Immagini per il Web: quali posso usare liberamente e quali è meglio evitare?

Non tutte le immagini prese da Internet possono essere utilizzate in tutta libertà. Ecco alcuni consigli per capire come scegliere la “giusta immagine”.

Pubblicato il 17/06/2015 da Ramon in Web Coaching
Immagini per il Web: quali posso usare liberamente e quali è meglio evitare?

Cari imprenditori, oggi voglio soffermarmi su una questione che mi è sempre stata molto a cuore: l’utilizzo delle immagini per il Web.

Spesso mi capita di ricevere, da alcuni clienti, domande in merito a questo argomento, perché vorrebbero utilizzare nel loro sito web aziendale o nel loro blog istituzionale immagini notate nel sito di un concorrente oppure in qualche articolo letto in Rete. “Ma tanto chi vuoi che se ne accorga se uso un’immagine trovata su Google nel mio sito: il Web è così tanto vasto e smisurato che nessuno potrà mai notare se prendo in prestito una piccola immagine”. Ecco la frase che, ahimé, sento dire più spesso.

Sappiate che nel Web tutto ciò che esiste e viene pubblicato ogni giorno è sempre rintracciabile, interamente tracciabile e, quindi, potenzialmente “scovabile” anche in una rete tanto vasta come il World Wide Web. Forse non sapete che prelevare fotografie online e immagini per il Web in totale libertà ed utilizzarle a vostro piacimento, senza il consenso esplicito dell’autore o del proprietario dell’immagine, vi espone, PER LEGGE, alla violazione dei diritti della proprietà intellettuale e, dunque, alle eventuali conseguenze negative che potrebbero derivare da una richiesta di risarcimento danni.

Si tratta, infatti, di un abuso a tutti gli effetti.

Posso usare immagini scaricate da Google?

La domanda che dovete SEMPRE farvi prima di prelevare immagini per il Web e pubblicarle in maniera indisturbata sul vostro sito è, dunque: “Posso usare un’immagine scaricata da Google?”.

Sono assolutamente convinto che molti di voi, soprattutto all’inizio, quando il sito web aziendale è appena andato online e siete alle prime armi con la creazione di contenuti originali da pubblicare, abbiate, per inesperienza, ingenuità o “ignoranza” (nel senso latino e buono del termine), prelevato, vostro malgrado, foto o immagini da Google, il più noto ed esplorato motore di ricerca del Web. L’avete fatto perché non sapevate che TUTTE LE IMMAGINI sono coperte da copyright, cioè dal famoso diritto d’autore: il che significa che il creatore di quell’immagine o fotografia deve concedervi il suo consenso perché voi possiate utilizzarla nei vostri canali.

Come i bravi web designer e grafici sanno bene, le immagini per il Web vanno scelte facendo ricorso a risorse gratuite dette “Free Stock” oppure pescando tra le tante proposte delle banche immagini a pagamento.

Questo perché, oltre ad avere una qualità maggiore rispetto ai risultati che potete ottenere da una semplice ricerca fatta su Google – ad esempio immagini troppo piccole o davvero esageratamente sgranate per poter comparire in qualsiasi pagina Web –, queste immagini, lecitamente conquistate, possono essere utilizzate liberamente e senza alcuna limitazione legata alla riproduzione, modifica o pubblicazione a fini commerciali e di vendita, quali quelli sottesi alla creazione di qualunque sito web aziendale.

Ecco che, così facendo, avrete evitato, in maniera molto consapevole e responsabile, ogni tipo di abuso legale, mettendovi inoltre al riparo da eventuali rivendicazioni da parte di autori o aziende concorrenti.

Quali sono i canali attraverso cui posso acquisire in totale sicurezza le immagini per il Web?

Abbiamo detto che utilizzare le immagini acquisite tramite il Web è possibile, ma solo in ALCUNI CASI e tramite SPECIFICI CANALI

Vediamone alcuni insieme.

Immagini di proprietà

Il metodo più ovvio per procurarsi le immagini da impiegare nel vostro sito Web è quello di scattarle da soli, o, ancora meglio, quello di affidarvi ad un bravo fotografo, che realizzi per voi scatti d’autore e foto di qualità ed indubbio valore professionale. Queste immagini non sono infatti soggette a licenze o copyright di terzi.

Tuttavia, anche in questo caso, è opportuno ed indispensabile osservare alcune regole:

  • Se le vostre fotografie ritraggono persone estranee, è essenziale ed obbligatorio acquisire il loro consenso, prima di poterle pubblicare online, per non incorrere nel rischio di violazioni di privacy;
  • Se le vostre foto riproducono materiale tutelato da copyright, è necessario acquisire il consenso dell’autore che ha realizzato l’immagine;
  • Se le vostre foto riproducono un evento privato è indispensabile ottenere il consenso prima di renderle pubbliche sul vostro sito web.
     

In tutti i casi in cui decidiate di pubblicare su Internet foto di vostra proprietà, vi consiglio di esplicitare, a vostra volta, se queste immagini sono liberamente prelevabili ed utilizzabili da parte di altri utenti della Rete oppure se, al contrario, è necessario il consenso espresso dell’autore: in questo caso voi.

Google Image Search

Il metodo più veloce per trovare immagini per il Web è senza dubbio quello di cercarle attraverso la ricerca immagini di Google. La maggior parte delle immagini che Google presenta come risultati della ricerca sono però coperte e tutelate, come abbiamo detto, da copyright e non è dunque possibile semplicemente prelevarle ed usarle a vostro piacimento.

Per evitare abusi e appropriazioni indebite, Google ci permette, però, di filtrare i risultati attraverso lo strumento di ricerca avanzata immagini. Nelle impostazioni della pagina di ricerca avanzata potete infatti circoscrivere la ricerca solamente alle immagini che risultino liberamente utilizzabili, modificabili e pubblicabili, anche a scopo commerciale.

Flickr

Flickr è uno dei siti Web più popolari e famosi che raccoglie centinaia di milioni di immagini pubblicate da altrettanti utenti sparsi in tutto il mondo. Questo sito internet rappresenta, pertanto, una delle principali fonti per reperire ed individuare immagini liberamente utilizzabili sul proprio sito Web.

Il discorso, però, non vale indiscriminatamente per tutte le immagini che si trovano su Flickr: esse sono, infatti, classificate in due principali categorie: immagini coperte da copyright ed immagini rilasciate sotto la Creative Commons Licence.

Le immagini coperte da copyright su Flickr sono facilmente identificabili dalla presenza del relativo simbolo e della frase “tutti i diritti riservati” nella sezione “ulteriori informazioni” di ogni immagine. Perché voi possiate utilizzarle, è indispensabile il consenso dell’autore, così come sottolineato nella guida di utilizzo fornita da Flickr.

La seconda categoria di immagini disponibili su Flickr è coperta dalla Creative Commons Licence. Questa licenza consente di utilizzare l’opera altrui, seppur con alcune limitazioni. E’ un po’ come dire “alcuni diritti riservati” invece di “tutti i diritti riservati”.

Su Flickr le immagini pubblicate con questo tipo di licenza sono a loro volta suddivise in diverse sottocategorie, a seconda di quello che è o non è lecito fare:

  • Licenza Attribuzione. Permette ad altri utenti di copiare, distribuire, visualizzare ed elaborare l’immagine protetta da copyright a condizione che venga citato l’autore. Le immagini possono essere usate anche a fini commerciali.
  • Licenza Attribuzione-Non Commerciale. Simile alla precedente, ma con la differenza che le immagini non possono essere usate a fini commerciali.
  • Licenza Attribuzione - Non Opere Derivate. Fondamentalmente analoga alla Licenza Attribuzione, fatta eccezione per il fatto che questa licenza non permette di creare opere derivate, basate sull’originale. Anche in questo caso le immagini possono essere usate a fini commerciali.
  • Licenza Attribuzione - Non Commerciale -Non Opere Derivate. Questa licenza è analoga a quella precedente ma vieta l’utilizzo delle immagini a fini commerciali.
  • Licenza Attribuzione - Condividi Allo Stesso Modo. Analoga alla Licenza Attribuzione ma impone che le eventuali opere derivate siano, a loro volta, distribuibili sotto la medesima licenza. Le immagini possono essere utilizzate a fini commerciali.
  • Licenza Attribuzione - Non commerciale - Condividi Allo Stesso Modo. Come la licenza precedente, salvo che le immagini non possono essere utilizzate a fini commerciali.

 
Immagini Acquistate

Un’alternativa molto comune e semplice per procurarsi le immagini necessarie è quella di acquistarle su un sito o su una banca immagini specializzata. Parlo ad esempio di siti come 123rf o Shutterstock.

Queste immagini sono generalmente vendute “royalty free” e, pertanto, utilizzabili e riutilizzabili dall’acquirente anche per fini commerciali.

Anche in questo caso, come negli altri precedenti, non posso darvi una regola di utilizzo univoca perché queste immagini fanno riferimento ai termini e alle condizioni di licenza specifiche che ogni venditore applica alle fotografie e alle immagini distribuite e messe in vendita nelle varie banche immagini.

Concludendo, se dopo aver letto questo articolo avete ancora dei dubbi sull'utilizzo delle immagini giuste e migliori per il Web, vi invito a rivolgermi direttamente tutte le vostre domande in proposito, tramite la sezione dedicata L'Esperto Risponde.

Il vostro Web Coach sarà felice di aiutarvi e, se in mio potere, “salvarvi dall’abuso illecito”.

CONDIVIDI:

Questo articolo è stato scritto da Ramon

Ramon

Mi occupo di Web Marketing e faccio impresa nel campo del Web grazie alle mie due società: Verdelite, l'unica agenzia in Italia specializzata in servizi web per Vivai, Garden Center e aziende sementiere.
Kompresa, agenzia web che aiuta le PMI italiane a vendere di più grazie al web, grazie all'insegnamento di nuove pratiche da attuare all'interno dell'azienda.

Tengo inoltre corsi di formazione sul web per Imprenditori che vogliano cavalcare questa grande opportunità.

Commenta